MOSTRE

MOSTRE, CONVEGNI, ATTIVITÀ DIDATTICA E DI RICERCA

 

guarda30x16n

 

 

 

Casa condivisa da tutte le età e tutte le fasce sociali. Autocostruzione e autorecupero come strumento per l'abitare collettivo

Un progetto di cittadinanza per un abitare diverso, nuovo. Nasce dai bisogni e dalle esigenze attuali della nostra storia, per un modo di abitare, di vivere nella casa, che sia oltre l’individualità per un abitare collettivo, condiviso. Contro il pensiero di COMUNITA’, perché esso include il senso di appartenenza ad un gruppo, perciò chiuso verso l’esterno diverso.

Convegno: Diritto alla casa e diritto ad un abitare sociale/L'autocostruzione e la casa condivisa -promosso da ARCI e NOVA RADIO CITTA' FUTURA - Casa del Popolo Buonarroti, Firenze - 27 marzo 2015

Locandinaguarda30x16n

DALLA CASA CONDIVISA ALLA CITTÀ CONDIVISA

La questione abitativa prende oggi connotati nuovi. Va studiata e affrontata con una nuova ricerca. La questione della casa ci conduce e ci costringe a considerare la città il cui valore è misurabile nel rapporto con le abitazioni non solo in senso funzionale, ma anche nella rappresentazione che, con la forma della città, manifesta il rispetto del soggetto per cui vive, cioè i cittadini, gli abitanti. L’edilizia residenziale è la struttura portante delle città che viviamo e tramite questa va colta e capita.

Lezione tenuta: POLITECNICO DI MILANO, SCUOLA DI ARCHITETTURA E SOCIETA’-LAUREA MAGISTRALE IN ARCHITETTURA A.A. 2014/15 laboratorio di progetto e costruzione dell’architettura Docente Arch. Elisabetta Ginelli - 20 ottobre 2014

DALLA CASA CONDIVISA ALLA Cguarda30x16n

AUTOCOSTRUZIONE E COHOUSING REALIZZARE DA SÉ LA CASA E ABITARLA IN MODO COLLETTIVO

Nuovi modi di abitare iniziano a farsi largo anche in Italia. Con il contributo manuale dei futuri abitanti si può risparmiare il 30-40% dei costi di costruzione e si inizia un percorso per far sì che la casa non sia un guscio di isolamento: abitare la casa avendo spazi comuni per condividere attività, incontri e manutenzione.

INCONTRO al CIRCOLO ARCI Isolotto, Firenze - Maggio 2014

Diapositiva1guarda30x16n

AD OGNUNO UNA CASA. DALL'EDILIZIA PUBBLICA POPOLARE AL “SOCIAL HOUSING”.

La casa “popolare”, oggi ’”edilizia sociale”, è stata e può essere portatrice di socialità e condivisione sorrette da una forma urbana ed edilizia che sappia rappresentare valori umani.

Conferenza: SGUARDI SUL NOVECENTO - Libera Università Comune di Scandicci - 31 gennaio 2012

AD OGNUNO UNA CASA. DALL'EDILIZIA PUBBLICA POPOLARE AL “SOCIAL HOUSING”.guarda30x16n

ITINERARI PER UNA CITTÀ SOCIALMENTE ED ECOLOGICAMENTE SOSTENIBILE

Nuove forme dell’abitare: Co-housing e Autocostruzione. Diritto alla casa Diritto ad un abitare sociale. 

1- AUTOCOSTRUZIONE 2- AMBIENTI COLLETTIVI o Cohousing 3- SERVIZI COLLETTIVI anche fonte di reddito 4- SALVARE IL PATRIMONIO PUBBLICO.

DIBATTITO CITTADINO presso la Sala Incontri Scuola Lorenzo de’ Medici a Firenze - 6 maggio 2014

ItinerariCittaguarda30x16n

ARCHEOLOGIA VEGETALE

La cultura dell’agronomo e il giardino: il caso del giardino d’aranci a Milis

Lezione tenuta presso il corso DETECTING CULTURAL LANDSCAPE IN MEDITERRANEAN ARCHAEOLOGY - Radda in Chianti - 21 settembre 2012

giardinoguarda30x16n

AUTOCOSTRUZIONE. DIRITTO ALLA CASA, SOCIALITÀ E CONDIVISIONE

Anna Guerzoni e Maurizio Leonelli: autocostruzione in Italia e Nicaragua

INCONTRO de: Associazione Cohousing in Toscana PROGETTAZIONE PARTECIPATA E AUTOCOSTRUZIONE. PRINCIPI ED ESPERIENZE - Le Murate Sala delle Colonne a Firenze - 28 aprile 2012

Murateguarda30x16n

AUTOCOSTRUZIONE PER IL DIRITTO ALLA CASA

Autocostruzione e autorecupero edilizio: 1- Risparmio economico - 2 Appropriazione di strumenti di conoscenza, di sapienza pratica e teorica di tecniche di costruzione e gestione della casa.

INCONTRO de: Associazione Cohousing in Toscana sull’autocostruzione - Spazio incontri mercato di San Lorenzo a Firenze – 15 dicembre 2011
autocostruzioneguarda30x16n
 

 

Chi desiderasse scaricare questi testi può scrivere ad Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o telefonare a 333 40 22411, 055 220438.